Acernews Febbraio 2019

Acernews Febbraio 2019

news60

ATTI VANDALICI, INQUILINI SIATE RESPONSABILI

Gli ultimi episodi di inciviltà riportati dal quotidiano locale e riferiti al Quartiere del PEEP, mettono ancora una volta in evidenza come sia fondamentale per la convivenza civile il rispetto delle regole. E questo non solo a livello condominiale, attraverso l’osservanza del regolamento di condominio che Acer già da qualche anno ha fatto installare in ciascun quartiere tradotto in tre lingue (italiano, inglese e arabo), ma soprattutto con l’insegnamento - a qualunque età - dei doveri dei cittadini. Utilizzare le aree comuni per scaricare mobili o materiali ingombranti - che in situazioni di emergenza possono addirittura diventare pericolosi - è un atto di inciviltà che può essere evitato in modo molto semplice. Due volte all’anno Iren ritira gratuitamente per chi ne fa richiesta i rifiuti ingombranti. Acer stessa, che gestisce i vostri condomini, può essere contattata e può utilizzare una ditta apposita, in questo caso ovviamente a pagamento. E’ giusto ricordare a tutti che, ogni atto di inciviltà è un costo. Un prezzo alto che non paga solo l’inquilino che ha violato il regolamento, ma tutti i condomini che fanno parte del quartiere. Acer stessa, negli ultimi cinque anni, ha speso nel quartiere in questione per manutenzione ordinaria e straordinaria (tra cui due incendi causati da inquilini) la ragguardevole cifra di 475mila euro. Basti pensare che di questi, ben 350mila sono stati spesi per la manutenzione straordinaria: dalla sistemazione continua degli ascensori, alla ritinteggiatura interna ed esterna. Ancora una volta, dunque, lanciamo un appello al senso di responsabilità degli inquilini di tutti i nostri quartieri che si facciano portavoce del rispetto delle quotidiane regole di convivenza sociale e civile che valgono in qualunque condominio. Per facilitare la lettura del regolamento, lo riproponiamo sul retro di Acernews.

ISEE, E' IL MOMENTO DELLA CERTIFICAZIONE

Per il quarto anno consecutivo ai nostri utenti la certificazione ISEE sarà richiesta solamente all’inizio di ogni anno. Con la nuova legge, inoltre, si ricorda agli inquilini che le certificazioni ISEE non devono più essere consegnate in formato cartaceo, perché Acer si preoccupa di richiederle in formato elettronico direttamente all’INPS. Questo comporta una notevole semplificazione burocratica che consente di verificare in tempi veloci la correttezza dei dati, escludendo ogni possibilità di errore nel caricamento delle informazioni. Si ricorda inoltre che in caso di variazione nel corso dell’anno del proprio nucleo familiare residente, è necessario recarsi immediatamente al proprio CAAF per richiedere una nuova certificazione ISEE e comunicare ad Acer la richiesta. Si raccomanda di fare attenzione al momento del ritiro della certificazione ISEE che non vi siano delle difformità che renderebbero il documento nullo.

UN SABATO DI GIOCHI DEDICATO AI BAMBINI E ALLE FAMIGLIE

Sabato 8 giugno 2019 Acer in collaborazione con il CONI provinciale organizza la prima edizione di “GIOCHI SENZA QUARTIERE”, un pomeriggio di attività ludico- ricreative - sportive in cui saranno coinvolti i bambini e i ragazzi dei quartieri Erp e le loro famiglie: pallavolo, pallacanestro, calcio, corsa con i sacchi, lancio del peso e molto altro ancora. In omaggio per tutti i partecipanti lo zaino e la maglia dei giochi. Per poter formare le squadre, è necessario iscriversi entro e non oltre il 15 marzo 2019. Per partecipare indicare i nominativi: acernews@acerpiacenza.it oppure 3296069820

RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO: I NUMERI DA CHIAMARE

Con l’arrivo delle temperature fredde, si ricorda agli inquilini che per qualunque problema agli impianti di riscaldamento centralizzati, è necessario chiamare il NUMERO VERDE 800 09 19 19 oppure lo 0523 785 811.

DOWNLOAD

Acernews Febbraio 2019 ultima modifica: 2019-02-03T13:48:59+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa