Acernews Febbraio 2020

Acernews Febbraio 2020

news72_pages-to-jpg-0001

“Non esACERiamo” è la campagna di educazione civica promossa da Acer Piacenza e rivolta a tutti coloro che riconoscono il valore di appartenere ad una comunità civile. E non solo. Obiettivo principale, la riduzione di tutti quei comportamenti incivili che sono contrari al senso di appartenenza alla società e al mantenimento del bene comune: dalle cattive abitudini più semplici (carte e mozziconi di sigaretta gettati sull’asfalto) alle maleducazioni diventate consuetudini (fare la pipì ovunque) ai veri e propri atti di vandalismo (devastazioni dei beni pubblici). «L’idea è nata semplicemente osservando con attenzione la città durante le passeggiate - spiega il presidente di Acer Patrizio Losi. Quello che è sbagliato è considerare oramai “normale” un atteggiamento che è irrispettoso delle regole del vivere civile. Se ognuno di noi facesse la propria piccola parte, chi è portato a tenere comportamenti incivili, sarebbe meno propenso ad agire in modo negativo. E questo vale per tutti, non certo solo per gli inquilini di Acer». Una campagna realizzata a costo zero. Il messaggio di comunicazione è diretto a tutti i cittadini, indipendentemente dal Paese di origine o del quartiere o zona della città in cui abitano. Lo slogan “Non esACERiamo” è stato studiato appositamente per la campagna degli inquilini delle case popolari, ma è rivolto ovviamente a tutti i cittadini che fanno parte della comunità piacentina: infatti, i motivi principali delle liti tra inquilini (dal volume alto al rumore nelle ore notturne o di riposo, dall’acqua sui panni stesi alle biciclette che impediscono il passaggio nelle parti comuni) sono identici in qualsiasi condominio di città. Il primo di una serie di cartelloni è in questi giorni esposto proprio sul palazzo di Acer Piacenza in via XXIV Maggio. I Comuni di Castelsangiovanni e di Fiorenzuola si stanno attivando per le autorizzazioni necessarie all’esposizione dei manifesti.

IL PRESIDENTE RISPONDE

SPESE DI GESTIONE, COME RIDURLE? E’ abitudine consolidata degli utenti chiamare Acer per qualunque tipo di intervento, anche quando si tratta di questione semplici e risolvibili con un po’ di buona volontà da parte degli inquilini stessi. Un esempio su tutti è quello della sostituzione delle lampadine sulle scale o nelle aree comuni. In alcuni condomini, il caposcala nominato dalle famiglie residenti, viene in Acer per farsi dotare di una confezione di lampadine nuove da sostituire direttamente ogniqualvolta si resti senza luce. Questo comporta un risparmio notevole nei costi, evitando l’addebito dell’uscita di un nostro tecnico per un intervento che può essere risolto direttamente all’interno del condominio. Certo, per poterlo fare, è indispensabile la disponibilità di qualche utente nel sostituire la lampadina quando ve ne sia il bisogno. A volte, con un pizzico di attenzione in più e la volontà di collaborare tra inquilini, non solo si può risparmiare ma creare anche il giusto clima di convivenza all’interno del condominio.

Acer dedica un pomeriggio e una serata di ballo ai suoi inquilini. Nella cornice verde di Spazio 4 in via Manzoni, le scuole di ballo piacentine, capitanate da Gabriele Battini saranno a disposizione di grandi e piccini per fornire gratuitamente lezioni dei principali balli, sia classici che moderni. In contemporanea, nel pomeriggio, sarà allestito uno spazio giochi per i bambini che intendono partecipare alla festa. Vista l’eccezionalità dell’evento, per favorire la più ampia partecipazione, Acer mette a disposizione un pullmino per il trasporto di chi non può muoversi in auto o che non ha un mezzo autonomo. Al termine del pomeriggio, sarà allestito un buffet, a cui tutti sono invitati a partecipare. Le informazioni dettagliate del programma sul prossimo numero di Acernews.

DOWNLOAD

Acernews Febbraio 2020 ultima modifica: 2020-02-03T13:47:24+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa