Bilancio di previsione approvato dalla Conferenza degli Enti

Bilancio di previsione approvato dalla Conferenza degli Enti

20161220_150951
Il Bilancio preventivo 2017 di Acer è stato approvato dalla Conferenza degli Enti. Tutti concordi nell'elogiare il lavoro svolto nella gestione di Acer e nel ringraziare i dipendenti per il consueto impegno dimostrato, il preventivo ha ottenuto 14 voti favorevoli (pari al 63,950% degli aventi diritto al voto), 5 astensioni (11,793%) e nessun voto contrario. Gli astenuti sono i rappresentanti dei Comuni di Caorso, Castel San Giovanni, Cortemaggiore, Fiorenzuola d’Arda e Lugagnano Val d’Arda. Questa la relazione tecnica del presidente di Acer, Massimo Savi, che sintetizza gli obiettivi dell'anno in corso: «Il 2017 sarà un anno di transizione, perché vedrà agli inizi di maggio la scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione. Questo non ci esime dal tracciare le linee guida relative al prossimo esercizio che connoteranno l’attività dei mesi futuri, senza peraltro condizionare le scelte dei nuovi Amministratori. La maggior parte dell’impegno sarà rivolta alla mission principale dell’Azienda, vale a dire alla corretta conservazione e gestione del patrimonio immobiliare affidatole dai Comuni della provincia di Piacenza, ponendo particolare cura al rispetto dell’ambiente (con la scelta, laddove possibile, di nuove tecnologie e di fonti energetiche alternative rinnovabili o, comunque, a basso impatto) e alla costante attenzione dei bisogni sociali manifestati dagli assegnatari degli alloggi, in particolare quelli portatori di specifiche fragilità. Riguardo al primo aspetto è stata avviata, in collaborazione con IREN, un’accurata analisi energetica di alcuni immobili, al fine di trovare idonee soluzioni che comportino anche la riduzione del fabbisogno energetico con un conseguente risparmio per gli inquilini. Relativamente al secondo aspetto, invece, si proseguirà nello stretto rapporto di collaborazione con il Centro per l’Adattamento dell’Ambiente Domestico (CAAD) del Comune di Piacenza e con il Centro Regionale di Informazione sul Benessere Ambientale (CRIBA), che sta dando significativi risultati nell’attività di riqualificazione di alloggi in essere e di progettazione di nuovi appartamenti, caratterizzati da ambienti flessibili e privi di barriere architettoniche, che possano essere fruibili non solo, ma anche, da persone con situazioni di disabilità. Tale esperienza, unica in ambito regionale, verrà illustrata all’inizio del prossimo anno alle competenti funzioni politiche e tecniche della nostra Regione al fine anche di ottenere sostegno e, possibilmente, finanziamenti per la sua prosecuzione. S’intende anche continuare a costituire una presenza qualificata e importante nel contesto istituzionale piacentino e ribadire con forza il ruolo di guida nell’ambito delle politiche abitative, soprattutto in un momento particolarmente delicato determinato dalla recente delibera regionale che ha rivisto in misura significativa i limiti per l’accesso e la permanenza negli alloggi di edilizia residenziale pubblica e i relativi criteri di calcolo dei canoni di affitto. Tali variazioni, verosimilmente, comporteranno un allargamento della cosiddetta “fascia grigia”, costituita da quei nuclei familiari che, pur avendo redditi superiori al limite previsto per la permanenza nell’erp, non sono oggettivamente in grado di accedere al mercato libero della locazione. Anche in considerazione di ciò, a brevissimo verrà attivata la nuova Agenzia per l’Affitto, i cui convenzione e regolamento sono stati approvati nei mesi scorsi dal Tavolo di Concertazione per le Politiche Abitative. Acer sarà, inoltre, sempre pronta a cogliere eventuali opportunità in tema di housing sociale che consentano di andare incontro alle esigenze della collettività e a contrastare il disagio abitativo. Sempre in riferimento al consolidamento delle relazioni con gli altri enti pubblici del territorio, così come del resto con realtà private, il prossimo anno sarà segnato in particolare dalla prosecuzione del rapporto di collaborazione che lega Acer all’ASP “Città di Piacenza” e che vedrà il nostro personale impegnato nella stesura del progetto esecutivo della ristrutturazione della CRA all’interno del Pensionato “Vittorio Emanuele II°” e alla realizzazione della casa dell’autismo di Via Gaspare Landi a Piacenza. Sul piano organizzativo interno, verrà completata la dematerializzazione dei disegni, delle planimetrie e dei documenti del Servizio Tecnico-Immobiliare e si procederà alla ripartizione fra due dipendenti delle deleghe per l’amministrazione di condomini misti (in stragrande maggioranza) e privati, al fine di migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’attività svolta. Acer Piacenza proseguirà, inoltre, a operare in sistema qualità ISO 9001-2008; al riguardo preme sottolineare come la prevista verifica esterna condotta nel corso di quest’anno abbia fatto registrare un pieno e convinto apprezzamento da parte dell’ispettore incaricato della verifica stessa. Proseguiranno, ovviamente, anche i rapporti con l’Associazione di categoria (FEDERCASA) e con le altre Aziende Casa presenti sul territorio regionale e non solo. Così come si porrà il massimo impegno, come sempre, a recepire le indicazioni espresse dalla Regione Emilia-Romagna e a fornire tempestive risposte alle richieste di dati e informazioni. A tal proposito verrà dato impulso all’attività di raccolta dati relativi al patrimonio gestito, al fine di costituire un data base completo e flessibile. Sul piano più squisitamente costruttivo, è in corso di completamento nel Quartiere S. Giuseppe la realizzazione del polo per l’infanzia internazionale, completamente in legno, che verrà attivato agli inizi del 2017 e che ospiterà bambini da zero a cinque anni, che avranno la possibilità di apprendere la lingua inglese fin dai primi anni di vita. Nei mesi immediatamente successivi verranno realizzati, attigui all’asilo, tre nuovi appartamenti da destinare all’edilizia residenziale pubblica. Nel corso dell’anno l’azienda realizzerà inoltre sul territorio provinciale lavori per euro 2.719.492, come illustrato in dettaglio nell’elenco annuale dei lavori relativo all’anno 2017, allegato al bilancio previsionale. Dovrebbero essere conclusi, inoltre, gli importanti interventi di recupero edilizio dei palazzi n. 2, 8 e 9 del quartiere Barriera Farnese, mentre si metterà il Comune di Fiorenzuola d’Arda nelle condizioni di poter assegnare nuovi diciassette alloggi realizzati in legno e in classe energetica A, grazie a finanziamenti regionali, in località Madonna delle Cinque Vie. Un altro significativo impegno assunto dall’attuale Consiglio di Amministrazione è quello di disporre la rimozione entro il 31 dicembre 2017 dell’amianto ancora presente in alcuni stabili, completando così l’attività che ha caratterizzato tutto il proprio mandato. Sul versante della comunicazione e “formazione”, si concluderà entro la metà del prossimo anno il progetto “Acerino” con la realizzazione di una pubblicazione digitale indirizzata sia agli adulti sia ai bambini, utilizzando, ovviamente, tecniche diverse a seconda del target da raggiungere L’Amministrazione sarà comunque attenta a studiare e a valutare altre iniziative che, compatibilmente con le risorse aziendali, consentano di proseguire nel percorso di coinvolgimento degli inquilini (soprattutto quelli in giovane età) finalizzato alla valorizzazione, al corretto uso e alla conservazione del bene pubblico assegnato. Proseguirà, inoltre, la pubblicazione e la diffusione capillare a ogni nucleo familiare assegnatario di un alloggio erp di Acernews, la newsletter che presenta a tutti gli inquilini le iniziative più significative di volta in volta attuate da Acer e li informa circa eventuali novità in tema di regolamenti, delibere e scadenze riguardanti adempimenti fiscali, amministrativi, ecc. Un altro importante strumento informativo è il sito web aziendale www.acerpiacenza.it, che viene e continuerà a essere tempestivamente aggiornato e che verrà costantemente implementato con nuove funzioni di ricerca. Sempre più delicata e importante sarà l’attività di mediazione sociale che nel 2017 vedrà impegnate, come peraltro nell’anno in corso, due risorse: una, in organico al Comune di Piacenza, che concentrerà la propria azione sul territorio cittadino e l’altra che, invece, si occuperà di prevenire e ricomporre tensioni e conflitti negli altri Comuni della nostra provincia, puntando entrambe a favorire relazioni positive d’integrazione e di civile convivenza, potendo avvalersi anche del confronto con omologhe figure operanti sul territorio regionale. Una doverosa considerazione merita la costante e intensa azione di Acer volta a contrastare il fenomeno della morosità e a tentare di rallentare la sua crescita. Anche nel 2017 la nostra azienda e il suo personale s’impegneranno a fondo e con determinazione per recuperare, almeno in parte, la morosità consolidata e cercheranno di trovare, laddove esistenti e praticabili e confrontandosi con realtà similari, metodologie e strumenti nuovi nell’impresa assai ardua di rallentare il trend di crescita degli ultimi anni, ben consapevoli del fatto che questa potrebbe essere a ragione definita una sorta di tredicesima fatica di Ercole. Anche in ragione di ciò, intendo concludere riprendendo un concetto espresso all’inizio di queste considerazioni generali, laddove ho accennato alla revisione, operata dalla Regione Emilia-Romagna, dei criteri di accesso e permanenza negli alloggi di edilizia residenziale pubblica e ai nuovi criteri di calcolo dei canoni di locazione. L’intendimento è palesemente quello di aumentare il turn over degli assegnatari e far sì che le cosiddette case popolari non siano più considerate, come nel passato, una sorta di vitalizio, bensì più correttamente un bene comune assegnato temporaneamente a nuclei familiari in particolari condizioni di bisogno. La soglia di permanenza, infatti, sarà sensibilmente abbassata, per far sì che accedano all’alloggio erp quelle persone o quelle famiglie che più di altre si trovano in stato di disagio abitativo. La variazione dei criteri di calcolo dei canoni di affitto, basati nella maggioranza dei casi sul valore oggettivo dell’alloggio assegnato, comporterà, una volta approvati da tutti i Comuni, un aumento diffuso, seppur abbastanza contenuto, dei canoni stessi, consentendo ad Acer Piacenza (che, ricordo per l’ennesima volta, presenta attualmente il valore del canone medio più basso della regione), di poter disporre di maggiori risorse economiche da tradurre in più consistenti interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio immobiliare gestito. All’attuale e al futuro C.d.A, il compito di monitorare l’andamento delle entrate e verificare gli eventuali impatti dei nuovi canoni sul fenomeno della morosità. Essendo verosimilmente questo Bilancio previsionale l’ultimo documento ufficiale che l’attuale Consiglio di Amministrazione sottoporrà alla Conferenza degli Enti, desidero ringraziare, a nome anche degli altri due Consiglieri, tutti i Sindaci che in questi anni hanno supportato il nostro impegno e hanno manifestato con il loro voto l’apprezzamento per il lavoro svolto da questa Amministrazione».
Bilancio di previsione approvato dalla Conferenza degli Enti ultima modifica: 2016-12-20T15:53:01+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa