Una casa di colori: sessanta alunni partecipano al Concorso

Una casa di colori: sessanta alunni partecipano al Concorso

20170403_100941
C’è chi predilige i colori caldi, chi quelli freddi e chi quelli neutri. A volte è questione di moda, la maggior parte però dipende dal proprio gusto e dalle preferenze personali. Quello che è certo è che alcuni colori che vengono scelti per dipingere le pareti di casa, non sono propriamente azzeccati. Così l’architetto Lucilla Meneghelli, consigliere di Acer Piacenza, ha tenuto una lezione “pilota” alle scuole primarie di Borgonovo su “Una casa di colori”, nell’ambito delle iniziative educative che vedono protagonista l’Ente in questi ultimi anni. I circa sessanta piccoli inquilini delle tre classi quarte hanno partecipato attivamente alla lezione (scaricabile sul sito di Acer), dimostrando di avere carattere nelle decisioni di famiglia, soprattutto se si tratta del proprio ambiente di gioco o di riposo: «Io ho la camera viola e il letto verde»; «Mi piacerebbe la stanza rossa, secondo lei va bene?»; «Io ho la macchina rossa, in casa è tutto bianco». Un colore, un’emozione, uno stato d’animo: « Non è un caso che Acer tratti l’argomento “colore”. Sempre più spesso, infatti, gli alloggi consegnati rigorosamente bianchi agli inquilini, vengono restituiti con colori dalle tinte accese e decise: dal blu al viola e al rosso, rendendo particolarmente difficile il lavoro degli imbianchini chiamati a ripristinare il colore d’origine. La scelta del colore per le pareti di casa – sottolinea Lucilla Meneghelli – influenza il nostro modo di abitare e il nostro stato d’animo. Il rosso, ad esempio, innalza la frequenza del battito cardiaco e può provocare emicrania; l’azzurro e il verde donano senso di tranquillità e facilitano il sonno; l’arancione e il giallo stimolano energia e, proprio per questo, dovrebbero essere utlizzati per lo più negli ambienti da giorno». Al termine della lezione, corredata da un video realizzato per l’occasione con i fumetti, gli alunni sono stati invitati a partecipare al concorso “Una casa di colori”: entro quindici giorni, restituiranno sotto forma di disegno l’apprendimento della lezione, rappresentando il colore preferito inserito nel contesto della propria casa. I migliori tre saranno premiati la prima settimana di maggio. La scuola che ha partecipato alla lezione “pilota” riceverà in premio il materiale da disegno necessario per il prossimo anno scolastico.
Una casa di colori: sessanta alunni partecipano al Concorso ultima modifica: 2017-04-04T05:50:47+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa