“La finestra di fronte”, viaggio in bianco e nero nel cuore dei quartieri popolari

“La finestra di fronte”, viaggio in bianco e nero nel cuore dei quartieri popolari

libro BIANCO E NERO-01
Non c’è una finestra a cui non sia attaccata una tenda. Perché in cortile, al di là del muro, ci sono volti che non si dimenticano, altri di cui si nutre paura, a volte solo per diffidenza, senza un motivo reale. Si riconoscono i passi sul pianerottolo, gli odori della cucina, le voci, lo zampettare dei cani. Ma è nascosti dietro alla finestra che ci si sente a casa, protetti, a proprio agio. Lo spioncino sulla porta di ingresso mette al sicuro dalle scampanellate del vicino sconosciuto, mentre si impreca per quel portone, in fondo alle scale, che qualche maleducato lascia sempre aperto. Se riesci ad entrare, se varchi la porta principale, ti accorgi che, dietro quella finestra, ci sono vite che si assomigliano terribilmente: corse per fare la spesa, quel lavoro che non dà alcuna soddisfazione, i compiti dei ragazzi che non finiscono mai, il pallone, il disordine in camera, i panni da lavare e le bollette da pagare. E poi le risate per i racconti dei figli, la musica per la festa di compleanno, la nuova ricetta per la crostata, il cucciolo adottato al canile. La vita. Acer ha chiesto a Monica Auditore, fotografa, di provare ad “entrare” nella vita popolare, dimostrando che vivere nelle case popolari non significa - come molti credono - vivere nel degrado, nella sporcizia e in un mondo piatto, senza sfumature. Anzi. Le zone della città in cui si verificano atti di cronaca nera non sono certo circoscritte alle aree dei condomini popolari. Il problema comune a chi abita in centro, come in periferia, in condominio come in casa singola è sempre lo stesso: vicini di casa, lontani di origine. In alcune di queste case Monica è riuscita ad entrare: nel suo viaggio in provincia e in città è stata accolta il più delle volte con l’orgoglio di far vedere il proprio alloggio, con la voglia di raccontare la propria storia, unica ma simile a tante altre; altre, dal balcone, senza poter salire, perché “di questi tempi meglio essere prudenti”; e, in rare occasioni, allontanata come quei nuovi vicini che sono così diversi dagli altri. E nelle sue foto, volutamente in bianco e nero, ha saputo evidenziare quanto la vita nei quartieri popolari sia colorata, ricca di emozioni, di generosità e di senso di appartenenza a radici profonde. Il libro sarà la strenna natalizia di Acer Piacenza, ed è a disposizione di tutti i cittadini che vogliano far parte del segreto del successo.
“La finestra di fronte”, viaggio in bianco e nero nel cuore dei quartieri popolari ultima modifica: 2018-11-22T13:38:44+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa