“Rigenerare il Ciano”, il Ministero finanzia il progetto di Acer e Politecnico

“Rigenerare il Ciano”, il Ministero finanzia il progetto di Acer e Politecnico

rigenerare
Si chiama “Rigenerare il Ciano - Laboratorio per la riattivazione del quartiere popolare Costanzo Ciano” ed è una iniziativa finanziata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) che si svolge a Piacenza dal 9 al 12 aprile. Promossa dall’Associazione culturale New Generations, in collaborazione con ACER Piacenza e Urban Curator TAT, il progetto è stato selezionato tra più di duecento proposte attraverso il bando Creative Living Lab dedicato a supportare attività creative e culturali nelle periferie italiane. L’iniziativa, che è diretta dall’Arch. Gianpiero Venturini, ha ottenuto il patrocinio del Politecnico di Milano e dell’Ordine degli Architetti di Piacenza e si svolge con il coinvolgimento fattivo di un nutrito gruppo di studenti del Politecnico di Milano – Polo di Piacenza coordinati dal Prof. Daniele Fanzini. Acer, partner del progetto, ha messo a disposizione la professionalità del mediatore sociale di Giusy Civardi che, insieme a Venturini, ha predisposto una serie di incontri con i residenti del quartiere di San Sepolcro. «“Rigenerare il Ciano” intende riattivare gli spazi collettivi del quartiere tramite la progettazione e la realizzazione di “manufatti speciali”, che introducano funzioni utili alla comunità del quartiere e creino scenari urbani e paesaggistici in grado di stimolare l’immaginazione degli abitanti. Per farlo – sottolinea Venturini - è prevista la costruzione di strutture leggere e di facile realizzazione, utilizzando materiali comuni nell’edilizia ed arredi o accessori da “hackerare”. L’obiettivo del workshop è quello di ragionare criticamente sulle pratiche contemporanee di riattivazione urbana, ripensare gli spazi esterni del Ciano e proporre soluzioni concrete che possano essere realmente costruite nei prossimi mesi». Il quartiere di San Sepolcro è particolarmente indicato per progetti che prevedano la rigenerazione degli spazi comuni: «I quartieri popolari sono sia per l’architettura delle costruzioni che per la tipologia di residenti provenienti da realtà multietniche il luogo ideale per promuovere uno sviluppo culturale di integrazione e partecipazione alla vita sociale – spiega Patrizio Losi, presidente di Acer. Gli inquilini del “Ciano”, quartiere storico, sono particolarmente attivi e ricettivi nel cogliere le opportunità di crescita a livello personale e familiare, partecipando con numeri importanti alle iniziative promosse da Acer. Gli spazi comuni sono strategici nel campo della socializzazione: e questo non riguarda solo i bambini e le giovani generazioni, ma gli adulti in generale. E’ importante ritrovare il valore dello spazio pubblico, che rappresenta in questo senso anche un buon metodo di prevenzione e di sicurezza da parte degli abitanti del quartiere». Durante i tre giorni di workshop saranno proposti brevi esercizi progettuali a scale differenti per portare a una progettualità condivisa. Il laboratorio sarà alternato da momenti di approfondimento e dibattito con diversi ospiti nazionali e internazionali, esperti riconosciuti nell’ambito della rigenerazione urbana, tra cui: Kiez.agency, con il progetto InStabile; VIC - Vivero de Iniciativas Ciudadanas, con il progetto MARES Madrid, ed altri esperti e ricercatori nell’ambito della rigenerazione urbana e pratiche di partecipazione, tra cui Alice Buoli, Mario Paris, Maria Vittoria Capitanucci, Fabrizio Schiaffonati, Giovanni Castaldo e Matteo Pettinaroli. Gli elaborati saranno discussi insieme agli inquilini del quartiere durante una sessione di dialogo e partecipazione prevista per il 12 aprile 2019 a partire dalle 10.30 nella sede di ACER Piacenza.
“Rigenerare il Ciano”, il Ministero finanzia il progetto di Acer e Politecnico ultima modifica: 2019-04-02T18:45:44+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa