Da settembre nelle scuole primarie il diario di Acerino il Superinquilino

Da settembre nelle scuole primarie il diario di Acerino il Superinquilino

IMG_9259mini

Un diario scolastico prima di tutto per imparare a diventare buoni inquilini ma anche, dopo l’emergenza coronavirus, per riassaporare il gusto della normalità. Verrà distribuito gratuitamente alle scuole elementari che ne faranno richiesta per i loro alunni di prima e di seconda. L’iniziativa è di Acer, l’Azienda casa Emilia-Romagna, ovvero l’ente che gestisce, per conto dei comuni, le case popolari.

E proprio in un condominio in cui vivono simpatici animaletti, tutti con nomi di esseri umani e con un’occupazione lavorativa ben definita, si sviluppa la storia che porta i bambini, dalla prima all’ultima pagina, a tu per tu con le regole del buon senso e del buon vicinato

«L’idea – spiega Sabrina Coronella, responsabile della comunicazione di Acer e autrice del diario – è venuta al nostro presidente, Patrizio Losi». Rientra nell’ambito «del progetto di educazione civica che Acer ha intrapreso, ormai 5 anni fa, con il personaggio dedicato ai bambini: Acerino il super inquilino». Perché Acer si dedica all’educazione civica, visto che non è un suo compito, è presto detto. «Perché Acer si occupa della manutenzione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica le cui spese di manutenzione straordinaria sono sempre molto alte». Danneggiamenti e mancanza di cura da parte di alcuni inquilini. «Così abbiamo pensato – osserva – che insistere sulle regole civiche fosse utile sia per avere alloggi in buono stato sia per una migliore convivenza all’interno dei condomini di edilizia residenziale pubblica. E abbiamo pensato di partire dai bambini affinché siano loro a portare le regole all’interno delle famiglie». Al momento sono arrivate 1.500 richieste di diari da parte delle scuole elementari tra cui Pontenure, Castelsangiovanni, Cortemaggiore, la Pezzani di Piacenza. Ma l’adesione è ancora aperta. La stessa sindaca, Patrizia Barbieri, ha inviato un messaggio ai dirigenti scolastici invitandoli a prendere in considerazione l’iniziativa.

Ad affiancare Sabrina Coronella il disegnatore  del personaggio di Acerino, Michele Cigalini, e, in veste di preziosa consulente, nonché di autrice delle storie, Lucia Sperzagni, maestra elementare in pensione.

Il tutto si svolge nella città virtuale di Aceropoli, dove il cane Lara, un beagle che nella realtà è l’amico fedele della sceneggiatrice, indica i comportamenti corretti e quelli scorretti (dal mese di dicembre aiutato da Acerino stavolta nei panni di extraterrestre) agli altri personaggi che i bambini incontrano pagina dopo pagina.  Da Rina l’imbianchina (una rana), a Barto il sarto (un riccio), da Diana la guardiana (una civetta) a Valentino il cuoco sopraffino (una puzzola) a Battista l’autista (un gatto) e via dicendo. Ogni volta accade qualcosa di tipico della vita condominiale.  Ad esempio le cassette della posta gettate a terra richiamano l’intervento di Gaia l’operaia (un’ape) che rimette tutto a posto. Da Natale in poi, quando i piccoli alunni avranno imparato a leggere e a scrivere, compariranno le storie. A gennaio arriva il raffreddore quindi ci si deve curare, non si deve andare a scuola ad infettare gli altri, a febbraio niente petardi e coriandoli lasciati in terra per il carnevale, a marzo stop ai rumori molesti e alla musica ad alto volume, ad aprile i parcheggi ordinati a maggio il tema degli odori sgradevoli nel condominio, a giugno le meritate vacanze al mare.

Da settembre nelle scuole primarie il diario di Acerino il Superinquilino ultima modifica: 2020-06-20T13:51:40+00:00 da Sabrina Coronella
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che i nostri utenti possano avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se si prosegue la navigazione, assumiamo che ci sia accordato il consenso. Informativa estesa