“Pacer”: quando i diritti sono anche doveri